Anno Accademico 2014/15





Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione



Regolamento Didattico del Corso di Studio in:


Electrical Engineering - Ingegneria Elettrica
Laurea Magistrale


Sede di: Milano

1. Informazioni Generali

Scuola Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
Codice Corso di Studio475
Corso di StudioElectrical Engineering - Ingegneria Elettrica
OrdinamentoOrdinamento 270/04
Classe di LaureaLM-28 - Ingegneria elettrica
Livello Laurea Magistrale
Primo AA di attivazione 2010/2011
Durata nominale del Corso 2
Anni di Corso Attivi 1
Lingua/e ufficiali (╣) Italiano/Inglese
Sede del corso Milano
Preside Giovanni Gustavo Lozza
Coordinatore CCS Sergio Amedeo Pignari
Sito web della Scuola http://www.ingindinf.polimi.it
Sito web del Corso di Studi
http:/www.electre.polimi.it
(╣) Il corso di laurea offre alcuni piani di studio preventivamente approvati in lingua italiana e altri in lingua inglese.


Segreteria Studenti - Milano Leonardo
Indirizzo VIA C. GOLGI, 42 (MI)

2. Presentazione generale del Corso di Studio

L’Ingegneria Elettrica è quel ramo dell’Ingegneria che si occupa dello studio e delle applicazioni dell’elettricità, dell’elettronica e dell’elettromagnetismo, con particolare riguardo ai sistemi elettrici di potenza, alle macchine elettriche ed al loro controllo, ai convertitori elettronici di potenza, ai sistemi elettrici di trasporto, alle misure elettriche ed elettroniche, alla teoria dei circuiti ed alla compatibilità elettromagnetica.

Il Corso di Studio in Ingegneria Elettrica organizza e fornisce gli insegnamenti necessari per la formazione dei laureati di primo e di secondo livello in Ingegneria Elettrica.

Lo sviluppo della vita civile e industriale è basato sulla disponibilità di energia nella forma atta ad essere facilmente trasformata in luce, calore, forza motrice, azioni chimiche, onde elettromagnetiche per la trasmissione a distanza e per l’elaborazione di informazioni. L’energia può essere attinta soltanto dove le sorgenti naturali ne offrono la possibilità.

L’elettricità, per le sue proprietà magnetiche, termiche e chimiche, costituisce il più efficiente veicolo sia di conversione da altre forme primarie sia di trasmissione a grande distanza. Il controllo agevole dell’energia elettrica e la sua conversione nelle più svariate altre forme di energia la rende insostituibile in infinite applicazioni ed utilizzazioni in ogni attività quotidiana, domestica, industriale o di servizio.

L’energia elettrica è una forma di energia pulita, facilmente regolabile e rispettosa dell’ambiente. A livello nazionale più di un terzo dell’energia viene attualmente trasformata in energia elettrica prima dell’uso finale. L’energia elettrica è un bene prezioso, non va sprecato e vanno ottimizzate tutte le trasformazioni che la vedono coinvolta, dalla produzione all’utilizzazione finale.

Il settore elettrico sta conoscendo delle profonde trasformazioni che renderanno ancor più importante nel futuro il ruolo nella società dell’ingegnere elettrico come figura di rilievo nella gestione dell’energia e per la salvaguardia dell’ambiente.

E’ impossibile elencare tutte le applicazioni dell’Ingegneria Elettrica. Le sue tematiche spaziano dalle macchine elettriche ai convertitori elettronici di potenza, ai trasformatori, alle grandi reti elettriche di trasmissione e di distribuzione, agli impianti elettrici per usi civili e industriali, agli azionamenti impiegati nell’automazione dei processi industriali, alla trazione elettrica, alle applicazioni dell’industria metallurgica pesante, alla compatibilità elettromagnetica fra apparati, impianti di trasporto e ambiente di lavoro o domestico.

La produzione, la trasmissione, la distribuzione e l’impiego razionale ed economico dell’energia elettrica richiede laureati di primo e secondo livello in Ingegneria Elettrica con adeguate capacità di progettazione, gestione, elaborazione ed analisi.

L’esigenza di utilizzare fonti energetiche rinnovabili, quali quella solare ed eolica tramite impianti di produzione, anche di piccola taglia distribuiti sul territorio, in aggiunta alle più tradizionali centrali di grossa potenza idroelettriche e termoelettriche, comporta un nuovo modo di progettare e gestire le reti elettriche di distribuzione.

La sempre maggior diffusione di apparecchiature dotate di controlli complessi e sofisticati richiede livelli molto più elevati di qualità della fornitura elettrica (si pensi, ad esempio, ai centri di elaborazione dati), che implicano lo studio e lo sviluppo di nuovi apparati, al fine di rendere le utenze elettriche immuni dai disturbi e le reti elettriche di distribuzione più affidabili.

Lo sviluppo delle celle a combustibile e di sistemi di accumulo avanzati potrà consentire la diffusione di veicoli di trasporto ibridi ed elettrici e contribuire in maniera significativa alla riduzione dell’inquinamento ambientale nonché al miglior utilizzo delle fonti energetiche tradizionali e/o innovative.

Il passaggio da un regime di monopolio alla liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica comporta indubbiamente nuove opportunità per l’utenza, ma anche problemi tecnici, rispetto ai quali risulterà decisiva la figura dell’Ingegnere Elettrico.

Questi sono i temi centrali del corso di studio in Ingegneria Elettrica. Le competenze maturate in questo Corso di Studio sono essenziali in tutte le fasi del processo di conversione, generazione, trasmissione, distribuzione ed utilizzazione dell’energia elettrica, per usi civili e industriali, per realizzare gli obiettivi desiderati con la massima economia, con il minor spreco di risorse ed il maggior rispetto possibile per l’ambiente.

L’Ingegneria Elettrica rielabora continuamente la conoscenza acquisita nella sua lunga storia e tradizione (al Politecnico di Milano fin dal 1896) arricchendo il proprio patrimonio di conoscenza mediante nuove ricerche che scaturiscono dalla necessità di dare risposte adeguate ai problemi posti dallo sviluppo industriale e dalle più svariate applicazioni di apparati e dispositivi elettrici, elettromeccanici ed elettronici di potenza.

Il laureato in Ingegneria Elettrica deve quindi possedere un ampio spettro di competenze in molti campi dell’ingegneria, da quelli più tradizionali a quelli più moderni.

Il corso di studio in Ingegneria Elettrica, attivo al Politecnico di Milano fin dal 1896, è stato ristrutturato in ottemperanza al DM 270/04.

Il corso di studio prevede, nel primo livello, il corso di Laurea che ha l’obiettivo di assicurare allo studente un’adeguata padronanza di metodi e contenuti scientifici generali nell’Ingegneria Elettrica. E’ possibile indirizzare le proprie scelte o verso un orientamento formativo, preparatorio per il corso di Laurea Magistrale (o di secondo livello), o verso un orientamento maggiormente caratterizzato da competenze professionali, per chi desidera immettersi nell’attività lavorativa subito dopo la laurea di primo livello. In questo ultimo caso, sono previste al terzo anno attività di tirocinio presso aziende.

 

Il corso di Laurea di primo livello ha durata triennale e porta al conseguimento della Laurea in Ingegneria Elettrica. Tale corso ha l’obiettivo di formare figure professionali con una solida formazione di base, in grado di affrontare i problemi tipici della progettazione di base nell’Ingegneria Elettrica, di recepire e gestire l’innovazione coerentemente allo sviluppo scientifico e tecnologico.

Conseguita la Laurea, di pari validità legale per i due orientamenti previsti, il laureato potrà chiedere l'accesso alla successiva Laurea Magistrale di due anni.

L’accesso al corso di Laurea Magistrale è subordinato alla presentazione di apposita domanda ed alla valutazione della carriera pregressa da parte di apposita Commissione di CCS.

L’accesso al corso di Laurea Magistrale è diretto per i laureati di primo livello nell’indirizzo formativo in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Milano. Per i laureati di primo livello al Politecnico di Milano indirizzo professionalizzante di Ingegneria Elettrica l’accesso al corso di Laurea Magistrale è diretto solo se la media ponderata degli esami sostenuti è non inferiore a 25/30 e la durata degli studi non maggiore di tre anni accademici. Per i laureati di primo livello dell’indirizzo professionalizzante e per gli altri laureati di primo livello, l’accesso al corso di Laurea Magistrale richiede il completamento della propria preparazione, mediante integrazioni curriculari da acquisire come corsi singoli.

La Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica (di durata biennale) ha l’obiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per l’esercizio di attività di elevata qualificazione nell’ambito scientifico e tecnico dell’Ingegneria Elettrica, per svolgere e gestire attività di progettazione anche complesse e per promuovere e sviluppare l’innovazione tecnologica.

Dall’A.A. 2012-2013, la Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica offre un percorso interamente in lingua inglese.

Dall'A.A. 2014-2015, la Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica offre un ulteriore percorso interamente in inglese, dedicato alle smart grid e finanziato da Enerl Distribuzione S.p.A.

Le aree di competenza sviluppate dal corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica sono: energia elettrica e fonti rinnovabili, trasporti, progettazione di macchine elettriche, elettronica di potenza, automazione industriale e smart grid.


3. Obiettivi Formativi

L’Ingegnere Elettrico è caratterizzato da un bagaglio di conoscenze ad ampio spettro, necessarie ad affrontare le sfide sempre più impegnative del mondo del lavoro e della ricerca, non solo nell’ambito della produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica, ma anche nella molteplice e variegata realtà delle applicazioni elettriche industriali, domestiche, ospedaliere e nel settore dei trasporti, della compatibilità elettromagnetica e delle tecniche di misura e di diagnostica.

Un’ampia ed approfondita conoscenza delle discipline matematiche e della fisica costituisce la base essenziale della preparazione del laureato in Ingegneria Elettrica. Approfondite devono anche essere le conoscenze di informatica, di automatica e di elettronica e del loro ruolo nei vari settori dell’Ingegneria Elettrica.

A partire dall’AA 2008/09, in ottemperanza al DM 270/04, è iniziata una profonda revisione del regolamento didattico del Corso di Laurea (primo livello), con l’obiettivo di migliorare il processo formativo.

Nell’ambito del regolamento secondo il DM 270/04, dopo il corso di Laurea (di primo livello) è previsto il corso di Laurea Magistrale, di durata biennale e 120 crediti, che ha l’obiettivo di fornire allo studente una formazione di livello avanzato per l’esercizio di attività di elevata qualificazione nell’ambito scientifico e tecnico dell’Ingegneria Elettrica, per svolgere e gestire attività di progettazione anche complesse e per promuovere e sviluppare l’innovazione tecnologica. Ciò comporta una solida formazione di base che approfondisca oltre agli aspetti metodologico-operativi, anche quelli teorico-scientifici.

Al Corso di Laurea Magistrale possono accedere i laureati di primo livello, direttamente, se provenienti dall’orientamento formativo in Ingegneria Elettrica del Politecnico di Milano, o dopo aver opportunamente completato la propria preparazione, con l’acquisizione di ulteriori crediti, se provenienti dall’orientamento professionalizzante o se laureati in altri Corsi di Laurea.

Infine, per completare l’offerta formativa, dopo il Corso di Laurea Magistrale, è previsto un corso di Dottorato di Ricerca in Ingegneria Elettrica (III livello) che realizza un livello formativo di elevata qualificazione culturale, teso a sviluppare figure professionali in grado di esercitare attività di ricerca di alto profilo nel mondo delle imprese industriali e di servizio, negli Enti pubblici e nelle Università.

Il corso di studio in Ingegneria Elettrica forma competenze nelle metodologie teoriche e sperimentali oltre che nelle applicazioni specifiche nell’ambito elettrico, a livelli diversi, a seconda del titolo conseguito. In particolare nella/e:

  • teoria dei circuiti;
  • compatibilità elettromagnetica;
  • calcolo elettromagnetico;
  • tecniche di misura e di diagnostica;
  • progettazione di macchine elettriche;
  • produzione dell’energia elettrica, centrali elettriche;
  • trasmissione, distribuzione e utilizzazione dell’energia elettrica per usi civili e industriali;
  • applicazioni industriali avanzate, quali, ad esempio, i sistemi di automazione ed i sistemi di trazione elettrica;
  • applicazioni economiche e finanziarie relative al mercato dell’energia elettrica.

Le aree di competenza sviluppate dal corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica sono: energia elettrica e fonti rinnovabili, trasporti, progettazione di macchine elettriche, elettronica di potenza, automazione industriale e smart grid.

Il primo anno del corso di Laurea Magistrale prevede quattro insegnamenti obbligatori di attività formativa caratterizzante, per un massimo di 40 CFU, finalizzati al completamento della formazione di base e avanzata, insegnamenti di attività formativa affine o integrativa (a scelta o obbligatori) per un totale di 14 CFU. Si completa con un insegnamento da 8 CFU a scelta.

Alcuni degli insegnamenti a scelta sono offerti solo in lingua inglese.

Il secondo anno del corso di Laurea Magistrale prevede cinque insegnamenti (obbligatori o a scelta dello studente in funzione del Piano di Studio selezionato), per un massimo di 40 CFU di attività formative caratterizzanti, in modo da configurare una propria area di competenza, e un insegnamento (per il solo Piano di Studio Smart Grid) di attività formativa affine o integrativa per un totale di 5 CFU, per completare le conoscenze necessarie all’area di competenza smart grid. Le aree di competenza consigliate sono quattro.

L’area di competenza Energia e fonti rinnovabili prevede i seguenti insegnamenti:

- Impianti Elettrici (10 CFU);

- Impianti di Produzione dell’energia elettrica (8 CFU);

- Pianificazione ed esercizio dei sistemi elettrici (6 CFU);

- Electromagnetic Compatibility A (8 CFU);

- Tecniche di misura e diagnostica (8 CFU);

 

L’area di competenza Energia e fonti rinnovabili affronta le tematiche relative ai sistemi elettrici per l’energia, tenuto conto dell’impatto dell’elettronica, dell’automatica e dell’informatica, e con attenzione in particolare al moderno impiego delle fonti rinnovabili. Le competenze che si sviluppano nei settori della produzione, trasmissione, distribuzione e utilizzazione dell’energia elettrica (per esempio: calcoli di dispacciamento ottimo, di load-flow, di cortocircuito, di dinamica, di affidabilità) sono inquadrate nelle nuove prospettive della liberalizzazione del mercato elettrico. E’ a livello delle reti in media e bassa tensione che si situa prevalentemente l’apporto della generazione diffusa da fonti rinnovabili (quali eolica, solare e in particolare fotovoltaica, celle a combustibile, cicli cogenerativi), con la necessità di rivedere struttura, controllo e protezioni della distribuzione; ed è qui soprattutto che si fa significativa la qualità della fornitura elettrica, per la sempre maggior diffusione di apparecchi che devono rendersi immuni da disturbi e non esserne causa. Quanto all’utilizzazione, si propongono competenze nel campo degli azionamenti, nonché di sistemi innovativi, per es. l’accumulo, per un uso più efficiente dei sistemi elettrici sia stazionari sia su veicoli di trasporto.

 

L’area di competenza Trasporti prevede i seguenti insegnamenti:

- Impianti Elettrici (10 CFU);

- Electric System for transportation A (8 CFU);

- Automazione dei sistemi di trasporto (6 CFU);

- Electromagnetic Compatibility A (8 CFU);

- Azionamenti Elettrici (8 CFU).

 

L’area di competenza Trasporti approfondisce le tematiche elettriche associate ai sistemi di trasporto. Gli argomenti sviluppati si riferiscono in particolare ai sistemi ferroviari (anche ad Alta Velocità – Alta Capacità), alle metropolitane (comprese quelle automatiche), ai sistemi di trasporto urbano di superficie di tipo collettivo (tranvie, filobus, metro leggeri), ai sistemi di trasporto individuali (auto elettriche e ibride), agli impianti elettrici a bordo delle navi e degli aerei. Vengono considerati sia gli aspetti infrastrutturali ed energetici relativi ai sistemi di alimentazione che gli aspetti elettromeccanici di conversione dell’energia elettrica per la trazione. Spazi di approfondimento sono dedicati alle tematiche della sicurezza e del controllo della marcia, agli azionamenti elettrici e alla compatibilità elettromagnetica fra sistemi di potenza e sistemi di controllo e segnalamento. Le competenze sviluppate permettono l’individuazione di un ingegnere elettrico con solide basi metodologiche ed impiantistiche e con una specializzazione approfondita rivolta al settore dei Trasporti, settore che sempre di più si sta rivolgendo all’ingegneria elettrica (si pensi alla propulsione elettrica navale e agli autoveicoli elettrici) per ottimizzare le risorse e per uno sviluppo sostenibile della mobilità.

 

L’area di competenza Progettazione e automazione, prevede i seguenti insegnamenti:

- Costruzione e progetto di macchine elettriche (10 CFU);

- Azionamenti elettrici (8 CFU);

- Sistemi per l’automazione industriale e la domotica (6 CFU);

- Electromagnetic Compatibility A (8 CFU);

- Tecniche di misura e diagnostica (8 CFU);

 

L’area di competenza Progettazione e automazione fornisce conoscenze, sviluppa capacità e affina una particolare sensibilità con riferimento alle metodologie di progettazione dei componenti, agli aspetti teorici e applicativi degli azionamenti elettrici e dei convertitori statici e alle numerose tematiche della automazione: si tratta di temi largamente diffusi nelle applicazioni industriali, civili e dei sistemi di movimentazione. Le competenze sviluppate spaziano dai moderni metodi di dimensionamento e verifica dei componenti elettromagnetici ed elettromeccanici, sia standard che speciali, alla capacità di scegliere e progettare il sistema di azionamento e di alimentazione più adatto ad ogni applicazione, con le relative tecniche di controllo, alla conoscenza operativa dei più avanzati sistemi di comunicazione, automazione e supervisione, nei diversi ambiti dell’industria, della generazione distribuita, della domotica e dei servizi.

 

L’area di competenza Smart Grid prevede i seguenti insegnamenti:

- Sensors, measurements and smart metering (8 CFU)

- Planning & Operation of distribution grids with high penetration of RES (8 CFU)

- Regulation of Electric Power Systems (10 CFU)

- Network automation and protection systems; tools for networks simulation (8 CFU)

- Smart grids: components, functionalities & benefits (8 CFU)

 

L’area di competenza Smart Grid, in collaborazione con Enel Distribuzione S.p.A., affronta le tematiche relative alle reti di distribuzione dell’energia elettrica in media e bassa tensione, considerando l’impatto dell’elettronica, dell’automatica e dell’informatica, e con attenzione in particolare al moderno impiego delle fonti rinnovabili. Il forte aumento della generazione diffusa (GD) impone di sviluppare strutture e procedure operative fortemente innovative che, oltre a mantenere un elevato livello di sicurezza e affidabilità dell’intera rete, siano anche in grado di far fronte ai numerosi problemi legati alla gestione della GD, alle possibilità di controllo del carico, alla promozione dell’efficienza energetica e ad un maggiore coinvolgimento degli utenti finali, attivi e passivi (che comprendono anche nuove tipologie come i veicoli elettrici o i sistemi di accumulo), in relazione al mercato elettrico. Le competenze sviluppate spaziano dalle attività legate al trasporto e alla trasformazione dell’energia elettrica, alla gestione delle reti e all’esercizio degli impianti con interventi di sviluppo e manutenzione. Aspetto importante è anche quello relativo alla regolazione dei sistemi elettrici necessaria per stabilire le tariffe per l’utilizzo delle infrastrutture, garantire la parità d’accesso, promuovere gli investimenti in rete, con particolare riferimento all’adeguatezza, l’efficienza e la sicurezza dei sistemi. Questa area di competenza può essere sviluppata solo attraverso la scelta del Piano di Studio Smart Grid.

 

Il Regolamento didattico del corso di studio in Ingegneria Elettrica è stato studiato in modo da soddisfare numerosi obiettivi generali:

- tracciare un percorso armonico della formazione di base e di ingegneria elettrica al 1° livello, che rispetti i carichi didattici di un corso triennale;

- valorizzare opportunamente sia una formazione propedeutica alla LM sia sbocchi di tipo applicativo, con una solida formazione generale;

- adeguare le attività di orientamento al mondo del lavoro e all’esercizio delle capacità di progetto e giudizio autonomo;

- favorire il completamento di una formazione metodologica con attività di laboratorio negli ambiti specialistici prescelti;

- richiedere lo sviluppo autonomo, guidato da tutor, di elaborati e progetti già a partire dal 1° livello per terminare in una di tesi al 2° livello;

- incoraggiare la possibilità di operare scelte autonome, necessariamente limitate al 1° livello, più ampie al 2° livello.

 

Obiettivi formativi specifici del corso della Laurea Magistrale sono:

- consentire la scelta fra alcune aree di competenza ben caratterizzate relativamente alle materie fondamentali, ma tali da consentire vari tipi di specializzazione, secondo una libera scelta dello studente;

- favorire il completamento di una formazione metodologica con attività di laboratorio negli ambiti specialistici prescelti;

- incoraggiare la possibilità di operare, ampie e numerose scelte autonome in base ad un proprio progetto di formazione coerente con l’area di competenza scelta;

- richiedere lo sviluppo autonomo, guidato da un relatore, di un consistente lavoro di tesi che abbia caratteristiche di originalità e che sia congruente con il percorso formativo scelto dallo studente.

- attrarre studenti stranieri e offrire agli studenti italiani che lo desiderano un ambiente formativo internazionale con i percorsi di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica interamente in lingua inglese.

 

Infine, per completare l’offerta formativa, dopo il Corso di Laurea Magistrale, è previsto un Corso di Dottorato di Ricerca in Ingegneria Elettrica (III livello) che realizza un livello formativo di elevata qualificazione culturale, teso a sviluppare figure professionali in grado di esercitare attività di ricerca di alto profilo nel mondo delle imprese industriali e di servizio, negli Enti pubblici e nelle Università.

 


4. Schema del Corso di Studio e successivi livelli di formazione

4.1 Schema del Corso di Studio e Titoli conseguiti

Il seguente schema mostra l’articolazione del corso di studio in Ingegneria Elettrica, in accordo all’ordinamento DM270/04 (MP: media pesata; T: tempo in anni accademici).



Il titolo di Laurea è il prerequisito per poter accedere alla Laurea Magistrale, la quale costituisce a sua volta il prerequisito per accedere al Corso di Dottorato di Ricerca.

L’accesso al corso di Laurea Magistrale è diretto per i laureati di primo livello nell’indirizzo formativo in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Milano. Per i laureati di primo livello al Politecnico di Milano indirizzo professionalizzante di Ingegneria Elettrica l’accesso al corso di Laurea Magistrale è diretto solo se la media ponderata degli esami sostenuti è non inferiore a 25/30 e la durata degli studi non maggiore di tre anni accademici. Per i laureati di primo livello dell’indirizzo professionalizzante e per gli altri laureati di primo livello, l’accesso al corso di Laurea Magistrale richiede il completamento della propria preparazione, mediante integrazioni curriculari da acquisire come corsi singoli.

Entrambi gli orientamenti di Laurea consentono un ampio riconoscimento dei crediti acquisiti nella maggior parte delle Lauree Magistrali dell’Area dell’Ingegneria Industriale.

4.2 Accesso ad ulteriori studi

La qualifica da` accesso al Dottorato di Ricerca, al Corso di Specializzazione di secondo livello e al Master Universitario di secondo livello


5. Sbocchi professionali e mercato del lavoro

5.1 Status professionale conferito dal titolo

Il laureato consegue il titolo di studio di Laureato Magistrale in Ingegneria Elettrica.

Il Laureato Magistrale in Ingegneria Elettrica pu˛ esercitare la libera professione, previo Esame di Stato e iscrizione alla Sezione A dell'Albo Professionale dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di residenza. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito: http://www.ordineingnegneri.milano.it

L'attivitÓ lavorativa di un Ingegnere Elettrico si svolge principalmente in uno (o pi¨) dei seguenti ambiti:

industrie per la produzione di apparecchiature, macchinari elettrici e sistemi elettronici di potenza;
industrie per l'automazione industriale e la robotica;
imprese ed enti per la produzione, trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica (pianificazione e esercizio);
imprese ed enti per la progettazione, la realizzazione e l'esercizio dei sistemi elettrici di trasporto;
imprese per la produzione e gestione di beni e servizi automatizzati;
societÓ e consorzi per la compravendita dell'energia elettrica nella Borsa dell'energia elettrica;
libera professione.

5.2 Ruoli e sbocchi occupazionali in dettaglio

La richiesta di Ingegneri Elettrici continua ad essere particolarmente elevata: nel 20112012, a fronte di 39 41 laureati di Laurea Specialistica del 20102011, sono stati rivolti dalle aziende al Career Service del Politecnico di Milano ben 546 692 richieste di assunzione di laureati in Ingegneria Elettrica.

 

I laureati magistrali/specialistici nel 2011 in Ingegneria Elettrica del Politecnico di Milano, intervistati dal Career Service a 12 mesi dalla laurea, dichiarano un tasso di occupazione del 93.7%, apprezzabilmente maggiore di quello dei laureati negli altri corsi di studio di ingegneria.

 

Secondo la Relazione Tecnica del Nucleo di Valutazione del Politecnico di Milano, l’88l’87% dei laureati in Ingegneria Elettrica dell’anno solare 20072008, intervistati a dicembre del 20082009, ha dichiarato che si iscriverebbe di nuovo al Politecnico nel medesimo corso di studio e il 90l’88% ha un impiego lavorativo stabile.

 

Secondo la Relazione della Commissione Paritetica della Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione dei Processi Industriali del Politecnico di Milano, del 17 dicembre 20122013, la percentuale di occupazione dei laureati in Ingegneria Elettrica, rispetto a quella dei laureati negli altri corsi di studio di ingegneria, è superiore di 6-154 punti percentuali, a seconda dell’anno; la percentuale di laureati magistrali in Ingegneria Elettrica che trovano una prima occupazione entro 2 mesi è del 30% (rispetto al 28% delle altre ingegnerie)decisamente superiore a quella dei laureati negli altri corsi di studio di ingegneria; la preparazione professionale dei laureati in Ingegneria Elettrica è da essi ritenuta percentualmente più adeguata rispetto a quella percepita dai laureati negli altri corsi di studio di ingegneria. Infine, l’apprezzamento degli studi fatti e la conferma che verrebbero scelti di nuovo da parte dei laureandi vede risposte più ampiamente positive da parte degli allievi in Ingegneria Elettrica (86.8%) rispetto agli allievi degli altri corsi di studio di ingegneria (69.2%). Il 50% dei laureati ha inoltre dichiarato che per svolgere il suo lavoro sia necessario esclusivamente il suo tipo di laurea (contro il 39.5% della media delle ingegnerie).

 

L’attività lavorativa di un Ingegnere Elettrico si svolge principalmente in uno (o più) dei seguenti ambiti:

•           industrie per la produzione di apparecchiature, macchinari elettrici e sistemi elettronici di potenza;

•           industrie per l’automazione industriale e la robotica;

•           imprese ed enti per la produzione, trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica (pianificazione e esercizio);

•           imprese ed enti per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio dei sistemi elettrici di trasporto;

•           imprese per la produzione e gestione di beni e servizi automatizzati;

•           società e consorzi per la compravendita dell’energia elettrica nella Borsa dell’energia elettrica;

•           organismi di regolazione del settore elettrico a livello nazionale e internazionale;

•           libera professione.

Ambiti occupazionali previsti per i laureati (rif. ATECO 2007, ISTAT):

(27.11 Fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici; 27.12 Fabbricazione di apparecchiature per le reti di distribuzione e il controllo dell’elettricità; 27.20 Fabbricazione di batterie di pile ed accumulatori elettrici; 27.40.01 Fabbricazione di apparecchiature di illuminazione e segnalazione per mezzi di trasporto; 35.11.00 Produzione di energia elettrica; 35.12 Trasmissione di energia elettrica; 35.13.00 Distribuzione di energia elettrica; 35.14.00 Commercio di energia elettrica; 71.12.10 Attività degli studi di ingegneria; 72.19.09 Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali e dell’ingegneria.


Rapporti del Nucleo di valutazione
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4087

6. Iscrizione al Corso di Studio

6.1 Requisiti di Ammissione

Titolo di studio di I ciclo (6 Livello EQF) o titolo comparabile


Il titolo di Laurea è il prerequisito per poter accedere alla Laurea Magistrale, la quale costituisce a sua volta il prerequisito per accedere al Corso di Dottorato di Ricerca.

 

Al Corso di Laurea Magistrale possono accedere i laureati di primo livello, direttamente, se provenienti dall’orientamento formativo in Ingegneria Elettrica del Politecnico di Milano, o dopo aver opportunamente completato la propria preparazione, con l’acquisizione di ulteriori crediti, se provenienti dall’orientamento professionalizzante o se laureati in altri Corsi di Laurea.

6.2 Descrizione delle conoscenze richieste agli studenti in ingresso

1.         E’ possibile accedere alla Laurea Magistrale sia nel primo sia nel secondo semestre.

2.         La mancata conoscenza della lingua inglese a livello B2 esclude automaticamente la possibilità di perfezionare la pratica di immatricolazione alla LM; resta possibile la valutazione della carriera da parte della Commissione di Consiglio di Corso di Studio (CCS).

3.         In generale l’accesso alla Laurea Magistrale è subordinato alla presentazione di apposita domanda (tramite la procedura online disponibile all’indirizzo: www.webpoliself.polimi.it) ed alla valutazione della carriera pregressa da parte di apposita Commissione di CCS, il cui giudizio è insindacabile. Nei casi di esclusione, la Commissione è tenuta a motivare adeguatamente la decisione.

4.         Per favorire lo studente nella programmazione della propria carriera e nell’eventuale pianificazione degli aspetti logistici, sono previsti quattro distinti periodi, per richiedere la valutazione. In particolare due sono le finestre per ogni semestre: la prima "anticipata" di 5/6 mesi rispetto all’inizio delle immatricolazioni, la seconda "standard" più vicina all’inizio delle lezioni.

Ciascun candidato, complessivamente tra la finestra anticipata e quella standard, può inserire, mediante apposito servizio Web, fino a tre richieste di ammissione a Corsi di Laurea Magistrale specificando per ciascuna Facoltà/Sede/Corso di Studi/Indirizzo.

•           I requisiti richiesti per essere ammessi alla valutazione della carriera nella finestra anticipata sono: avere acquisito almeno 145 CFU, ad esclusione di eventuali esami in soprannumero;

•           avere un piano degli studi approvato completo di tutti i CFU necessari per il completamento del corso di primo livello, eventualmente autocertificabile da parte degli studenti provenienti da altri atenei. Ciò al fine di consentire una valutazione complessiva del percorso di primo livello. Qualora vengano apportate modifiche al piano studi successive alla valutazione, queste invalideranno la valutazione stessa e sarà necessario chiederne un’altra.

I requisiti richiesti per essere ammessi alla valutazione della carriera nella finestra standard sono:

•           per gli allievi di corsi di primo livello del Politecnico di Milano, essere iscritti all’appello di Laurea;

•           per gli allievi di corsi di primo livello di altri Atenei, prevedere il conseguimento della Laurea prima dell’immatricolazione alla Laurea Magistrale.

La Commissione, in caso di esito positivo della valutazione, comunicherà al candidato il risultato "ammesso senza integrazioni curriculari" oppure "ammesso con integrazioni curriculari". In questo secondo caso, il Laureato può integrare la propria formazione acquisendo, mediante corsi singoli, le integrazioni curriculari specificate dalla Commissione. L’ammissione è subordinata al superamento delle integrazioni curriculari entro l’a.a. cui si riferisce la domanda che dovrà essere ripresentata all’atto del conseguimento dei relativi CFU e a tale data verrà formalmente immatricolato al corso di Laurea Magistrale.

Il laureato che si trova nelle condizioni di cui sopra potrà anticipare insegnamenti relativi alla Laurea Magistrale per un massimo di 30 CFU comprensivi comunque di eventuali CFU acquisiti in soprannumero nel corso degli studi di primo livello, e comunque in numero tale da non superare gli 80 CFU, comprendendo in tale limite anche le integrazioni curriculari.

Gli studenti del Politecnico di Milano, ancora iscritti a un corso di Laurea e che, prevedendo di laurearsi entro i sei semestri regolari, hanno presentato domanda di iscrizione ad un appello di laurea, e la cui domanda di ammissione a un corso di Laurea Magistrale è stata accettata a condizione che essi integrino la propria formazione e le proprie competenze acquisendo crediti formativi aggiuntivi, possono usufruire di un semestre aggiuntivo (6+1) rispetto ai sei semestri regolari al fine di acquisire crediti formativi aggiuntivi che comprendano:

-i corsi di insegnamento condizionanti (integrazioni curriculari) la iscrizione del Laureato alla Laurea Magistrale

-l’eventuale anticipazione di corsi previsti nel regolamento didattico del corso di Laurea Magistrale nel quale il Laureato è stato accettato per un massimo di 30 CFU in soprannumero computati nell’intero percorso triennale e comunque in numero tale da non superare gli 80 CFU complessivi comprendendovi anche le integrazioni curriculari.

Il Piano di Studi Smart Grid è a numero chiuso, la selezione sarà effettuata da apposita Commissione composta da membri nominati dal CCS; la selezione per l’ammissione al Piano di Studi Smart Grid è basata, oltre che sui criteri precedentemente elencati, anche sulla valutazione della carriera pregressa e dell’adeguatezza della preparazione dei candidati mediante eventuale colloquio; la media pesata delle votazioni conseguite nella Laurea di primo livello, e in particolare quelle ottenute negli esami impiantistici/sistemistici, ha quindi un maggiore rilievo. Saranno, inoltre, previste, in caso di sottoscrizione di apposita convenzione, alcune borse di studio. Gli allievi vincitori delle relative borse di studio potranno fruire, oltre che di un eventuale periodo all’estero, anche di stage retribuiti presso i siti del gruppo Enel Distribuzione, anche finalizzati alla preparazione della tesi di laurea. Le regole e i requisiti di ammissione al concorso per l’assegnazione delle borse di studio verranno resi noti per tempo sul sito della Scuola; la selezione delle borse di studio sarà effettuata in collaborazione con personale di Enel Distribuzione. In fase di ammissione, è consigliato presentare domanda anche per uno degli altri corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica, nel rispetto dei limiti consentiti.

Per maggiori dettagli sulle condizioni generali di accesso alla Laurea Magistrale si consulti il sito ufficiale dell’Ateneo www.polimi.it.

 

REQUISITI FORMATIVI GENERALI SPECIFICI PER IL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTRICA

La definizione dei requisiti curriculari richiesti per l’accesso alla Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica si basa su requisiti formativi che consentano una adeguata preparazione nelle metodologie e nelle tecnologie dell’ingegneria elettrica ed in particolare:

- una adeguata preparazione matematica e scientifica di carattere generale;

- una adeguata preparazione di Elettrotecnica, Fondamenti di automatica, Elettronica, Fisica tecnica e macchine, Meccanica applicata alle macchine e disegno;

- una adeguata preparazione di Macchine Elettriche, Misure Elettriche, Distribuzione dell’energia elettrica, Modellistica delle macchine e degli impianti elettrici, Sicurezza elettrica.


Informazioni dettagliate relative ad ammissione e immatricolazione sono disponibili sul sito dell'Orientamento
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4747

6.3 Scadenze per l'ammissione e numero posti disponibili

Per le scadenze, si può fare riferimento alla guida all’immatricolazione del Politecnico di Milano, che viene aggiornata annualmente.

Il numero programmato per il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica è di 160. Il numero massimo previsto per il piano di studio Smart Grid è 25.


Informazioni dettagliate relative alle scadenze e ai posti disponibili sono presenti nella guida all'immatricolazione
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4891

6.4 Indicazione di eventuali attivitÓ per l'orientamento per gli studenti e attivitÓ di tutorato

Sito Orientamento
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=3750

7. Contenuti del Corso di Studio

7.1 Requisiti per il conseguimento del titolo

Per il conseguimento del titolo di secondo livello Ŕ richiesto che vengano acquisiti 120 crediti, suddivisi come segue.

Per le attivitÓ formative caratterizzanti (ING-IND/31 - Elettrotecnica, ING-IND/32 - Convertitori, macchine e azionamenti elettrici, ING-IND/33 - Sistemi elettrici per l'energia, ING-INF/07 - Misure elettriche ed elettroniche) sono previsti: min 50 - max 80 crediti.

Per le attivitÓ formative affini e integrative (Scienza dei materiali, Scienza delle costruzioni, Economia dei servizi e delle reti, Fondamenti di ricerca operativa, Implicazioni legali dell'esercizio della professione (le responsabilitÓ dell'ingegnere), Statistica applicata) sono previsti: min 12 - max 20 crediti.

Per le attivitÓ formative a scelta dello studente (DM270, art.10, comma 5, lettera a) sono previsti: min 8 - max 10 crediti.

Infine, per il lavoro di tesi (DM270, art.10, comma 5, lettera c) e per la prova finale sono previsti min 17 - max 18 crediti.

Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro: min 0 - max 1 credito.

Minimo di crediti riservati dall'ateneo alle attivitÓ (art.10, comma 5 lett. d): 1 credito.

7.2 ModalitÓ di frequenza e di didattica utilizzata

Il corso Ŕ a tempo pieno; comprende la partecipazione a lezioni e ad attivitÓ di laboratorio.

7.3 Obiettivi e quadro generale delle attivitÓ didattiche per ciascun piano di studio preventivamente approvato

Insegnamenti del 1░ Anno di corso - Piano di studio preventivamente approvato: R2A - INGEGNERIA ELETTRICA


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU CFU Gruppo
089674BING-INF/07ELABORAZIONE NUMERICA DEI SEGNALI DI MISURA110.010.0
089675BING-IND/32ELETTRONICA DI POTENZA110.010.0
------Insegnamenti a scelta dal Gruppo AF-INT------6.0
------Insegnamenti a scelta dal Gruppo ELT------8.0
089676BING-IND/31ELETTROMAGNETISMO APPLICATO E METODI DI CALCOLO210.010.0
089140CING-IND/22SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI ELETTRICI28.08.0
089693BING-IND/33SISTEMI ELETTRICI PER L'ENERGIA210.010.0

Insegnamenti del 1░ Anno di corso - Piano di studio preventivamente approvato: R2B - ELECTRICAL ENGINEERING


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU CFU Gruppo
093585BING-INF/07MEASUREMENT ORIENTED DIGITAL SIGNAL PROCESSING110.010.0
093586BING-IND/33ELECTRIC POWER SYSTEMS110.010.0
093587CING-IND/22SCIENCE AND TECHNOLOGY OF ELECTRICAL MATERIALS18.08.0
093575CMAT/06APPLIED STATISTICS26.06.0
093588BING-IND/32POWER ELECTRONICS210.010.0
093589BING-IND/31ELECTROMAGNETIC COMPATIBILITY B210.010.0
093584BING-IND/33ELECTRICAL SWITCHING DEVICES28.08.0
------Insegnamenti a scelta dal Gruppo ELT------

Insegnamenti del 1░ Anno di corso - Piano di studio preventivamente approvato: R2C - ELECTRICAL ENGINEERING - SMART GRID


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU CFU Gruppo
093586BING-IND/33ELECTRIC POWER SYSTEMS110.010.0
096094CING-IND/35PROJECT MANAGEMENT: PRINCIPLES & TOOLS16.06.0
096095BING-IND/33ELECTRICITY MARKET18.08.0
096101CING-INF/03COMMUNICATION NETWORKS FOR ELECTRICITY SYSTEMS18.08.0
096100BING-INF/07SENSORS, MEASUREMENTS AND SMART METERING28.08.0
093589BING-IND/31ELECTROMAGNETIC COMPATIBILITY B210.010.0
------Insegnamenti a scelta dal Gruppo ELT------8.0

Nota 1. E’ consentito agli studenti della Laurea Magistrale la scelta, in soprannumero, di insegnamenti di formazione di base del Corso di Dottorato di Ricerca.

Nota 2. Gli insegnamenti a scelta di APPLIED STATISTICS, ELECTROMAGNETIC COMPATIBILITY A, ELECTRICAL SWITCHING DEVICES saranno offerti solo in lingua inglese.

Nota 3. Al posto di APPLIED STATISTICS si può scegliere un corso fra quelli offerti alla Laurea Magistrale.

 

 


Insegnamenti del 2░ Anno di corso - Piano di studio preventivamente approvato: R2E - PROVENIENZA DA FORMATIVO POLIMI


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU CFU Gruppo
091611BING-IND/33IMPIANTI ELETTRICI110.010.0
091610BING-IND/32COSTRUZIONE E PROGETTO DI MACCHINE ELETTRICHE210.0
083760BING-IND/32AZIONAMENTI ELETTRICI18.024.0
089245BING-IND/33IMPIANTI DI PRODUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA28.0
089682BING-INF/07TECNICHE DI MISURA E DIAGNOSTICA28.0
093576BING-IND/31ELECTROMAGNETIC COMPATIBILITY A28.0
094964BING-IND/33ELECTRIC SYSTEM FOR TRANSPORTATION A18.0
096102BING-IND/32SISTEMI PER L'AUTOMAZIONE E LA COMUNICAZIONE INDUSTRIALE16.06.0
091615BING-IND/33AUTOMAZIONE DEI SISTEMI ELETTRICI DI TRASPORTO26.0
091616----LAVORO DI TESI E PROVA FINALE--118.018.0
091616----LAVORO DI TESI E PROVA FINALE--218.0

Insegnamenti del 2░ Anno di corso - Piano di studio preventivamente approvato: ENG - TRACK ENGLISH


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU CFU Gruppo
094966BING-IND/32CONSTRUCTION AND DESIGN OF ELECTRICAL MACHINES110.010.0
094965BING-IND/33ELECTRIC SYSTEM FOR TRANSPORTATION B110.010.0
094967BING-INF/07RELIABILITY ENGINEERING AND QUALITY CONTROL110.010.0
094968BING-IND/32ELECTRICAL DRIVES210.010.0
094974----THESIS AND FINAL EXAM--118.018.0
094974----THESIS AND FINAL EXAM--218.0


Insegnamenti del Gruppo AF-INT


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU
089678 C ING-IND/35 ECONOMIA DEI SERVIZI E DELLE RETI 1 6.0
089677 C ICAR/08 SCIENZA DELLE COSTRUZIONI 1 6.0
093575 C MAT/06 APPLIED STATISTICS 2 6.0
089679 C MAT/09 FONDAMENTI DI RICERCA OPERATIVA 2 6.0
089681 C IUS/01 IMPLICAZIONI LEGALI DELL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE (LE RESPONSABILITA' DELL'INGEGNERE) 2 6.0

Insegnamenti del Gruppo ELT


Codice AttivitÓ formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU
083760 B ING-IND/32 AZIONAMENTI ELETTRICI 1 8.0
094964 B ING-IND/33 ELECTRIC SYSTEM FOR TRANSPORTATION A 1 8.0
093584 B ING-IND/33 ELECTRICAL SWITCHING DEVICES 2 8.0
093576 B ING-IND/31 ELECTROMAGNETIC COMPATIBILITY A 2 8.0
089245 B ING-IND/33 IMPIANTI DI PRODUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA 2 8.0
089682 B ING-INF/07 TECNICHE DI MISURA E DIAGNOSTICA 2 8.0

7.4 ModalitÓ di accertamento lingua straniera

Per le informazioni sulla conoscenza della lingua inglese, si rimanda alla Guida alla lingua inglese, disponibile nella sezione Guide e Regolamenti del sito Internet del Politecnico (http://www.polimi.it/studenti/guide/)


Informazioni sulla conoscenza della lingua inglese
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=3843

7.5 ModalitÓ dell'esame di Laurea

La tesi di laurea viene scelta dallo studente in base alla formazione conseguita nel corso di Laurea Magistrale ed in modo congruente alle scelte operate riguardo all’area di competenza prescelta e agli insegnamenti elettivi.

Gli argomenti di tesi offerti sono di norma legati ai temi di ricerca di base e applicata sviluppati nei laboratori collegati al corso di studio coi quali lo studente entra in contatto attraverso attività didattiche o mediante colloqui con i docenti.

A discrezione del relatore e dello studente lo sviluppo delle tesi può coinvolgere collaborazioni con laboratori, aziende, enti esterni.

Il candidato deve dimostrare di saper sviluppare in modo autonomo un problema di ingegneria elettrica, sia che coinvolga competenze progettuali sia che affronti un tema di ricerca. Il grado di maturazione formativa deve consentire la proposizione di soluzioni originali e valide da un punto di vista professionale.

Il relatore affianca lo sviluppo del lavoro proponendo le tematiche da affrontare e valutando le soluzioni proposte dallo studente.

A seconda della complessità del lavoro, il relatore decide se fare richiesta o meno di un controrelatore che possa valutare approfonditamente il testo della tesi.

La discussione, in presenza della commissione, del relatore (o di co-relatore da questi designato) ed eventualmente del controrelatore, è pubblica. Il candidato deve dimostrare una adeguata padronanza dei temi trattati ed efficacia espositiva, sottolineando gli elementi di originalità delle soluzioni proposte e dei risultati conseguiti.


Le informazioni relative alle norme generali, regolamenti, calendario appelli, iscrizioni e consegna tesi sono disponibili su
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=3874

8. Calendario

Calendario accademico
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=3905

9. Docenti

I nominativi dei docenti afferenti al Corso di Studio e dei relativi insegnamenti saranno disponibili sul manifesto degli studi a partire dal mese di settembre.
Il Manifesto degli Studi viene pubblicato annualmente sul sito web del Politecnico di Milano.

10. Strutture

La Sezione Elettrica del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria (DEIB), e la Sezione Elettrica del Dipartimento di Energia mettono a disposizione del Corso di Studio in Ingegneria Elettrica laboratori didattici progettati e realizzati esclusivamente per questo corso di studio. In particolare gli allievi utilizzano, a supporto delle attività sperimentali che caratterizzano molti insegnamenti, un laboratorio sperimentale, attrezzato con strumentazione e apparecchiature avanzate.


11. Contesto internazionale

Il Politecnico sta svolgendo analisi di confronto con le principali università internazionali. I rapporti e gli studi saranno prossimamente disponibili sul sito web del Politecnico di Milano, nella sezione Manifesto degli Studi.


12. Internazionalizzazione

Informazioni sui programmi di scambio, progetti di doppia laurea e stage internazionali, progetti europei di ricerca e relazioni internazionali sono disponibili sul manifesto degli studi.

Il Manifesto degli Studi viene pubblicato annualmente sul sito web del Politecnico di Milano.


Informazioni sui programmi di scambio, progetti di doppia laurea e stage internazionali, progetti europei di ricerca e relazioni internazionali sono disponibili su
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4605

13. Dati quantitativi

L'Osservatorio della didattica di Ateneo ed il Nucleo di Valutazione di Ateneo, avvalendosi anche del supporto degli osservatori della didattica delle facoltÓ, svolgono periodiche analisi sui risultati complessivi e sul livello qualitativo dell'attivitÓ didattica dei Corsi di Studio, monitorando le attivitÓ formative e l'inserimento del laureato nel mondo del lavoro. I rapporti e gli studi sono disponibili sul sito web del Politecnico di Milano.

14. Altre informazioni


15. Errata corrige