Anno Accademico 2016/17





Scuola del Design



Regolamento Didattico del Corso di Studio in:


Design della Moda
Laurea Di Primo Livello


Sede di: Milano

1. Informazioni Generali

Scuola Scuola del Design
Codice Corso di Studio1155
Corso di StudioDesign della Moda
OrdinamentoOrdinamento 270/04
Classe di LaureaL-4 - Disegno industriale
Livello Laurea Di Primo Livello
Primo AA di attivazione 2008/2009
Durata nominale del Corso 3
Anni di Corso Attivi 3
Lingua/e ufficiali Italiano
Sede del corso Milano
Preside Luisa Maria Virginia Collina
Coordinatore CCS Alba Cappellieri
Sito web della Scuola http://www.design.polimi.it
Sito web del Corso di Studi
http://www.moda.polimi.it


Segreteria Didattica - Milano Bovisa
Struttura di riferimento
Centro Orientamento Studenti Scuola del Design
Indirizzo Via Candiani 72, 20158 Milano
Telefono 02 2399 7277


Segreteria Studenti - Milano Bovisa
Indirizzo VIA LAMBRUSCHINI, 15 (MI)

2. Presentazione generale del Corso di Studio

The significant development of the media, internet and digital communications systems, the increase in the services governing their production and management and in devices and the occasions for communicating and interacting - all this is making communication an increasing large and complex sector.

The communications and information sectors are characterised by generalised presence, in depth dissemination and strong and powerful framework. The communications and information industry is one of the driving forces in modern society. The artefacts and systems designed by communications designers are a constant and cross disciplinary presence.

Communications design is where culture meets publishing, where transport systems are computerised, where new methods of production and dissemination of data and information takes place. Communications design also operates where industrial products and services interact with users and - in perspective - with each other and their environment to favour conscious access and use, in large scale distribution where consumers meet goods, in the entertainment industry and sport, in the planning of the identity and dynamics of the great events and their dissemination on the various media.

Communications designers are cultural operators who make a contribution to relations between subjects in society which is always strictly connected to the contents which each information, persuasive or prescriptive type message is conveyed. Communications designers must take account of visual contamination, communications saturation and information overload phenomena, symptoms of a system in which technologies and apparatuses are in need of a direction, of choices, of planned trajectories.

“Communications designers” are at ease with all aspects of a communication project: publishing graphics, TV, audio-visual and multimedia publishing, co-ordinated corporate image and brand identity, product packaging and communication, script character design, web design, data and information visualisation, interactive communication artefact, service and complex communication system design such as social networks and joint platforms. All this takes place within a vision which sees communication as a fundamental strategic linchpin in contemporary society requiring design using specific tools and methods and an ability to work with the most modern visualisation and communication technologies.

In particular the specific skills of communications designers relate to integrated communications systems encompassing the two dimensional and three dimensional fields (static and dynamic), lettering, visual perception and variables, information sign, static and dynamic representation techniques (photography, graphic motion, movie design), designing communications products on analogue and - more and more frequently  - digital devices, off line and online (the Web and other internet platforms including mobile platforms).

The course catalogue encompasses a Laurea (equivalent to Bachelor of Science) course in Communications Design and a Laurea Magistrale (equivalent to Master of Science) in Communications Design. The laurea courses are designed for students with a solid cultural background, a great deal of interest in the subject of design culture in general and specifically in all aspects of communications and an openness to learning techniques, methods and languages in their most innovative forms.


Per ulteriori informazioni si rimanda al sito del Corso di Studi.
http://www.moda.polimi.it

3. Obiettivi Formativi

Note that the title of the Communication Design laurea (equivalent to Bachelor of Science) programme corresponds to one of the training profiles set out in the Class 4 degree description and that the course of study, as its title suggests, is designed to train professional designers working in the visual communication, graphics, multimedia and on-line interaction sectors.


The qualification does not overlap with the professional profiles encompassed by the Class 20 Laurea course category Communication Science which is designed to train professionals to work in analysis and critical understanding in the communications sector and professionals working in communication fields which are not strictly visual design linked.

 

The fundamental objectives of the course of study for Communication Design graduates are mastery of the cultural, scientific, methodological and technical tool elements which are the basis of artefact and communication systems design. The ability to take on the media system from the starting point of the world of communication users is of central importance with all the social, cultural , relationship, symbolic and perceptional elements which are so fundamental a part of the various forms of communication; the ability to interpret specific use contexts; the ability to translate analysis elements and the information content framework into new artefacts elaborating new communication formats, innovative format types both by applying analogue and digital communication technologies and by integrating the various systems and cross-media support solutions.

 

Communication designer training also requires mastery of the ability to visualise the design idea and the process in analytical form in its various creative and implementational phases: from the choice of design field to reference communication scenarios, elaboration of the concept, simulation and artefact implementation.

Abilities and skills relating to language and visual culture and the representation which is at the heart of suitable expressive processes are thus of fundamental importance.

 

As compared to the subsequent Laurea Magistrale (equivalent to Master of Science) programme the design focus of the Laurea course is aspects of technical project management and implementation with the aim of training graduates capable of interacting with project partners in the marketplace, including in the non-profit sphere, with an acquaintanceship with its language and skills and an awareness of evolutions in economic and productive systems and new open information and know-how exchange and dissemination methods.

The ability to monitor productive and implementational decisions relating to the technologies, media and devices which accompany design are thus of fundamental importance as is the ability to interpret these from the perspective of socio-economic sustainability.

 

The academic subjects on which the Laurea programme rests are:

  •        design culture studies (ICAR/13)

mastering and using the other subject fields studied in the form of ex cathedra lectures to design process ends - with laboratory type teaching methods.  In design this knowledge is used in the analysis phase (i.e. in the concept definition phase) to interpret problem solving in terms of design opportunities, limitations, potential, selection and priority hierarchies; for user-communication interaction analysis.

In relation to the information contents to be made use of: to analyse artefacts and artefact systems in their formal, structural, functional, type, morphological and interaction, etc. characteristics. In the design synthesis phase, by contrast, this knowledge is used for development-design ends involving an ability to:

-   translate communication demands into formats and artefacts;

-   define an artefact's components, technologies and assembly methods on the basis of the communication functions required;

-   link up product requisites with the communication system and its channels.

The goal of this core knowledge framework - on which a designer's education rests -


is to provide students with a method with which to take on a range of design themes on a medium design complexity scale by means of paradigmatic design experiences.

  •        humanities studies (SPS/08; M-PSI/01; ICAR/13)

which contribute to the analysis and interpretation of the social and cultural contexts of the products designed and the meaning systems which are created around communications artefacts in their aesthetic and cultural components. The humanities also contribute to integrating communication artefacts into culture and information production systems by means of socio-technical, anthropological and artefact value and sign interpretation tools as well as providing an understanding of the perceptional and communication qualities which characterise the product-user relationship.

The goal of this field of study is to supply students with methodologies and tools from semiotics for design and ethnographic, anthropological and sociological research applied to user analysis, contexts and uses.

  •        historical-critical studies (SSD ICAR/13, L-ART/03, L-ART/06; ICAR/18) which supply students with knowledge of evolutions in design culture and their links with evolutions in art, architecture, visual communication, design and fashion movements.

The educational objective of this study unit is to supply students with the ability to interpret design in its context of reference using historical study methods;

  •        visual culture and representation studies (SSD ICAR/13, ICAR/17, MAT/08) which analyse the use of language, tools and techniques related to morphological and functional representation of communication artefacts (drawing by hand to digital representation, photography to simulation and prototype model production); the ability to read and interpret visual languages; mastery of digital image production and manipulation techniques; knowledge of perceptional mechanisms, colour systems, etc.

The educational objective of this unit is to provide graduates with the ability to transfer analysis and design synthesis elements onto the visual plane.

  •        IT and communications studies (INF/01; ING-INF/05) providing in-depth study into the basics of IT system functioning and hardware and software skills as well as the languages on which multi-media and interactive graphic design are based.
  •        corporate economics and financial feasibility studies for design (SECS-P/13; ICAR/22; ICAR/13): in-depth study of economic systems, the corporate context, the market and problems relating to marketing; financial feasibility analysis techniques for communication products. Students are also taught the ability to interpret the fundamental features of companies which impact on design strategies.

The objective of this unit is to make students aware of economic decision making processes and the elements which characterise company coherence in design lead innovation processes.

 

The resulting professional is a 'design technician' with all the skills required to perform the multiplicity of technical-design tasks at the highest level at the creation, design, development and implementation phases leading to the production of product series and their distribution and dissemination in the media system.

Within this course of study specific subject areas can be studied in greater depth such as cutting edge developments for professional design development or strategic sectors for the development of the Italian and global economies.


4. Schema del Corso di Studio e successivi livelli di formazione

4.1 Schema del Corso di Studio e Titoli conseguiti

I Corsi di Studi in Design  sono dedicati alla preparazione teorica, scientifica e professionale del designer, ovvero di quella figura dotata di conoscenze e competenze relative alla progettazione, produzione e valorizzazione dei prodotti industriali. Per prodotto industriale, così come questo termine è interpretato dalla Scuola del Design, non si intende semplicemente un prodotto materiale come un'automobile, un arredo, un oggetto, un abito, un accessorio, ma anche tutti gli elementi di comunicazione e costruzione di "senso" relativi a un prodotto, come gli aspetti di grafica e progettazione del marchio, piuttosto che i siti web o una sfilata di moda.

Questo ambito di studi risponde alla domanda di formazione espressa dall'industria di prodotti di consumo, dalle pubbliche amministrazioni, dagli studi e dalle società di progettazione della comunicazione, degli interni e dell'allestimento, della moda, nonché dai settori della commercializzazione e distribuzione di questi prodotti.

I percorsi formativi proposti si articolano in due livelli di laurea, il cosiddetto 3+2, la Laurea di primo livello e la Laurea Magistrale di ulteriori due anni.

La Laurea prepara figure di Tecnico del progetto, ovvero laureati in grado di svolgere la funzione di supporto a tutte le attività tecniche e progettuali che, dalla fase di ideazione, conducono alla fase di produzione e distribuzione del prodotto sul mercato, con connotazioni differenti per ciascuno dei Corsi di laurea attivati.

La Laurea Magistrale prepara figure di laureati con capacità di gestione e finalizzazione strategica delle attività di progetto. Tali figure sono in grado di coordinare attività di progetto complesse, finalizzate alla ideazione di sistemi di prodotto articolati e differenziati in accordo con l'identità di marca e le strategie di diffusione sul mercato.

A questi due percorsi si aggiunge una ricca offerta di percorsi di Master universitari di I livello, a cui si può accedere dopo la Laurea triennale, di Master di II livello, a cui si può accedere dopo la Laurea Magistrale, Infine, dopo il conseguimento della Laurea di II Livello è possibile accedere ai Dottorati di Ricerca del Dipartimento del Design offerta altamente qualificata nell'ambito della formazione di ricercatori di design. 

Laurea I livello

Laurea di II livello di continuità

- Design del prodotto industriale

Design del prodotto per l’innovazione 

- Design della comunicazione

Design della comunicazione

- Design della moda

Design for the Fashion System – Design per il Sistema Moda

- Design degli interni

Design degli Interni – Interior Design

Disegno industriale - sede di Milano

Design & Engineering – Progetto e ingegnerizzazione del prodotto industriale

Ingegneria meccanica (CdL attivato presso la Scuola di Ingegneria Industriale e dell'informazione)

Ingegneria dei materiali e delle nanotecnologie (CdL attivato presso la Scuola di Ingegneria Industriale e dell'informazione)

Design del prodotto industriale/Design della comunicazione/Design degli interni/Design della moda

Product Service System Design – Design del Sistema Prodotto Servizio

Design degli interni/Design del prodotto industriale (Prodotto)

Design navale e nautico - sede di La Spezia

4.2 Accesso ad ulteriori studi

La qualifica da` accesso alla Laurea Magistrale, al Corso di Specializzazione di primo livello e al Master Universitario di primo livello


Il Corso di Laurea Magistrale di continuità con il Corso di Laurea in Design della Moda è quello di Design for the Fashion System. E' possibile accedere senza integrazioni curriculari anche al Corso di Laurea Magistrale Internazionale in Product Service System Design.


5. Sbocchi professionali e mercato del lavoro

5.1 Status professionale conferito dal titolo

Students graduating from the three year Communication Design laurea are considered design Technicians and specialists in communication design implementation by means of the management of the main IT tools and applying the methodologies specific to this sphere. These may range from roles in companies or institutions with a strong corporate communication or web presence orientation via e-commerce. The multi-media and traditional publishing sector, advertising and communication companies, IT consultancy and cultural institutions, museums and cultural heritage promotion and service provision are also potential career options.

5.2 Ruoli e sbocchi occupazionali in dettaglio

This course of study responds to training demands from the communication artefact industry and its corollaries, graphics and multi-media communications studios and product distribution and retailing systems for all aspects relating to product communication.

Communication Design Graduates form part of professional systems taking on implementation roles, working in teams, interpreting and implementing design requirements and translating them into appropriate financial, ergonomic, manufacturing, representation and modelling forms for production. They also have the skills required to assist in the research and concept creation phase on the basis of the ability to interpret user needs and the social and consumer dynamics, formal languages, technologies and media channels best suited to design requirements. Graduates have communication design implementation skills via management of the main IT tools and graphic representation methodologies.

They can work as designers in the traditional and multi-media, on and off line publishing spheres, visual multimedia tool and product design, branding and advertising initiatives, product, institution, service and corporate promotional communication and lastly in the graphic and signing interface design field. Possible career outcomes - in addition to communications agencies - are IT consultancy companies and cultural, museum and cultural heritage institutions to say nothing of the growing potential for independent entrepreneurial freelance careers or setting up new businesses.

 


Rapporti del Nucleo di valutazione
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4054

6. Iscrizione al Corso di Studio

6.1 Requisiti di Ammissione

Diploma italiano di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio comparabile conseguito all'estero (livello 4 EQF)

6.2 Descrizione delle conoscenze richieste agli studenti in ingresso

Si richiede il possesso di un'adeguata preparazione iniziale che viene accertata attraverso un test di accesso.

6.3 Scadenze per l'ammissione e numero posti disponibili

There are 150 places (of which 5 are reserved for non EU students including 4 Chinese students on the “Marco Polo” project).

 

Section of the university site focusing on student guidance and entrance tests containing test deadline information.

http://www.orientamento.polimi.it/


Sezione del sito di Ateneo dedicato all'orientamento e al test di ingresso dove prendere visioni delle scadenze connesse al test.
http://www.orientamento.polimi.it/

6.4 Indicazione di eventuali attività per l'orientamento per gli studenti e attività di tutorato

La Scuola ha potenziato gli strumenti informativi di orientamento rivolti alle future matricole, finalizzati a far conoscere le attività didattiche e formative presenti nei propri Corsi di Studi al fine di chiarire gli obiettivi formativi e gli sbocchi professionali alle future matricole.

Per gli studenti in corso la Scuola ha avviato attività finalizzate a:

- contribuire a rimuovere gli ostacoli ad una proficua frequenza dei corsi, anche attraverso iniziative rapportate alle necessità, alle attitudini e alle esigenze dei singoli;

- rendere gli studenti più attivamente partecipi del processo formativo.

Il docente tutor di riferimento è individuato per ciascun Corso di studio ed è il riferimento istituzionale per l'orientamento in Scuola, il servizio è organizzato nell'ambito del corso di studio ed in particolare si occupa di:

- servizio di supporto agli studenti laddove essi abbiano bisogno di aiuto nella soluzione dei problemi o nell'approfondimento dei concetti;

- approvazione ed eventuale redazione di testi riguardanti la presentazione del corso di laurea di cui è il referente;

- identificazione di progetti degli studenti del proprio corso di laurea da usare come strumenti di orientamento durante gli Open Day e sui mezzi di comunicazione istituzionale della Scuola.


Sito Orientamento
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=2084

7. Contenuti del Corso di Studio

7.1 Requisiti per il conseguimento del titolo

Il titolo si consegue attraverso l'acquisizione di 180 crediti formativi. I laureati nel Corso di laurea in Disegno industriale della Moda, devono possedere una solida formazione di base nell'ambito delle discipline del progetto tesa ad approfondirne sia gli aspetti metodologici sia quelli tecnico-operativi. In particolare dovranno conoscere adeguatamente gli strumenti e le tecniche relativi alla rappresentazione formale e funzionale del prodotto (dal disegno manuale al disegno tecnico, dalla fotografia alla creazione di modelli e prototipi dei prodotti), le tecniche di rappresentazione delle immagini e dei linguaggi visivi, la conoscenza dei meccanismi di percezione visiva e dei sistemi cromatici. Dovranno inoltre possedere gli elementi di base dell'attivita di progetto per la moda (articolazione della gamma di prodotto e della collezione, ecc.) e di tutto cio che concorre alla sua realizzazione, comunicazione e vendita (visual merchandising, eventi, allestimenti e show room, riviste, immagine coordinata). La preparazione richiede anche l'acquisizione di competenze scientifico-tecnologiche proprie dei settori delle scienze ingegneristiche, (dei materiali utilizzati nei prodotti della moda, delle tecniche di prototipazione e ingegnerizzazione del prodotto, delle tecnologie di lavorazione e di processo, dei sistemi economico-produttivi); di competenze economico gestionali (valutazione dei costi, modelli organizzativi e di management, strategia e gestione aziendale); di conoscenze storico-critiche (relative alla sociologia dei consumi e della moda, alla cultura del tessile e alla sua evoluzione storica, allo studio della semiotica e dell?estetica, dell?antropologia ecc.).

7.2 Modalità di frequenza e di didattica utilizzata

Il Corso prevede una frequenza a tempo pieno. E' articolato attraverso alcune tipologie didattiche: I Corsi Monodisciplinari sono caratterizzati da contenuti teorici che vengono comunicati con lezioni ex cathedra e verificati nel corso dell'anno con prove e colloqui. I Corsi Integrati fanno riferimento a piu di una disciplina o ambito specifico e sono talvolta affidate a due docenti che integrano il proprio contributo. I Laboratori Sperimentali offrono l'opportunità di sperimentare e utilizzare gli strumenti le tecnologie e i macchinari utili al progetto. I Laboratori prevedono lo svolgimento di attività di progetto da parte degli studenti, sotto la guida del team di docenti, ciascuno dei quali offre il proprio contenuto disciplinare applicato al tema di progetto.

Il Programma Erasmus e gli altri programmi di mobilita internazionale consentono agli studenti di trascorrere un semestre di studio all'estero, presso qualificate università europee ed extra-europee di design.

Il Tirocinio è assolto mediante la frequenza di un Workshop Tirocinante che vede il coinvolgimento di aziende, Enti o Scuole straniere.


Il Corso prevede una frequenza a tempo pieno. E' articolato attraverso alcune tipologie didattiche: I Corsi Monodisciplinari sono caratterizzati da contenuti teorici che vengono comunicati con lezioni ex cathedra e verificati nel corso dell'anno con prove e colloqui. I Corsi Integrati fanno riferimento a piu di una disciplina o ambito specifico e sono talvolta affidate a due docenti che integrano il proprio contributo. I Laboratori Sperimentali offrono l'opportunità di sperimentare e utilizzare gli strumenti le tecnologie e i macchinari utili al progetto. I Laboratori prevedono lo svolgimento di attività di progetto da parte degli studenti, sotto la guida del team di docenti, ciascuno dei quali offre il proprio contenuto disciplinare applicato al tema di progetto. Gli Workshop sono corsi full time della durata di una settimana nei quali gli studenti sviluppano un progetto sotto la guida o di un professionista di chiara fama o di una azienda. Il Programma Erasmus e gli altri programmi di mobilita internazionale consentono agli studenti di trascorrere un semestre di studio all'estero, presso qualificate università europee ed extra-europee di design. Il Tirocinio professionale e un periodo di attivita presso un azienda o uno studio di design convenzionati con il Politecnico, sotto la guida di un tutor della Facoltà e di un tutor designato dall'azienda.

7.3 Obiettivi e quadro generale delle attività didattiche per ciascun piano di studio preventivamente approvato

La possibilità di scelta degli insegnamenti e dei relativi crediti da inserire nel Piano degli studi, è subordinata ad una serie di regole deliberate dalla Scuola che ogni anno programma una offerta didattica di 60 crediti per ogni anno di corso ("offerta nominale").

Gli studenti possono scegliere annualmente percorsi di studio con un numero di crediti differente da quello previsto nell'offerta nominale (60 Cfu/anno) per graduare, secondo le proprie esigenze, la progressione degli studi.

Il numero minimo di crediti a cui gli studenti possono iscriversi è pari a 30, salvo che i crediti mancanti per concludere il corso di studi siano in numero minore.

Il numero massimo di crediti a cui gli studenti possono iscriversi, rispettando le precedenze d'esame, è pari a 80 Cfu.

Nella formulazione annuale del Piano degli studi deve essere prioritariamente rispettata la sequenza tra gli insegnamenti secondo la progressione per anni di corso indicata di seguito nel Regolamento:

non si possono inserire nel Piano degli Studi corsi dell'anno successivo ("anticipi") se non si sono inseriti tutti quelli dell'anno precedente e dell'anno in corso.

Inoltre, la Scuola ha deliberato una serie di precedenze d'esame in base alle quali, per poter accedere ad alcuni insegnamenti è necessario averne superati altri ritenuti ad essi propedeutici. Questo può comportare che il numero di crediti a cui uno studente può nominalmente iscriversi venga ridotto per effetto di tale regola.

L'Ordinamento vigente prevede una serie di attività formative (di base, caratterizzanti, affini o integrative) che sono presenti nel percorso di studi nella forma di Corsi monodisciplinari, Corsi integrati e Laboratori in cui si articola l'attività didattica del triennio di Laurea.

Oltre a queste tipologie di attività formativa l'Ordinamento prevede che un numero definito di crediti siano attribuiti a tipologie di attività raggruppabili sotto le seguenti voci:

- attività formative autonomamente scelte dallo studente (Corsi a scelta);

- attività formative relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento del titolo di studio e alla verifica della conoscenza della lingua straniera (Prova finale e Lingua);

- attività volte ad acquisire ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e telematiche, relazionali o comunque utili per l'inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso, tra cui in particolare i tirocini formativi e di orientamento (Tirocinio).

A partire dall'a.a. 2015/16  è stata introdotta una modifica di regolamento didattico che comporta una revisione dell'offerta formativa.  Per tale motivo l'offerta di 1° e 2° anno sarà opportunamente collegata a quella del manifesto previsto per i neo immatricolati. Sul sito della Scuola sarà pubblicata una Guida alla gestione del transitorio.


Insegnamenti del 3° Anno di corso - Piano di studio preventivamente approvato: *** - Non diversificato


Codice Attività formative SSD Denominazione Insegnamento Lingua Sem CFU CFU Gruppo
096103A,B,CICAR/13
ING-IND/22
M-STO/08
SECS-P/13
LABORATORIO DI SINTESI FINALE - KNITWEAR DESIGN120.020.0
(Grp. Opz.)
096104A,B,CICAR/13
ING-IND/22
M-STO/08
SECS-P/13
LABORATORIO DI SINTESI FINALE - JEWELLERY AND ACCESSORY DESIGN120.0
096105A,B,CICAR/13
ING-IND/22
M-STO/08
SECS-P/13
LABORATORIO DI SINTESI FINALE - FASHION DESIGN120.0
089830A,BICAR/13PREPARAZIONE ELABORATO DI LAUREA (P.E.L.)210.010.0
096175BINF/01MODELLAZIONE DIGITALE15.05.0
089639A,BICAR/13WORKSHOP TIROCINANTI15.05.0
089703AING-IND/22INNOVAZIONI NEI MATERIALI E NELLE FINITURE25.05.0
(Grp. Opz.)
093882AING-IND/22MATERIALI AMBIENTE PROGETTO15.0
096757A,BICAR/13IL DESIGN COME LINGUAGGIO DELLA DIFFERENZA: PROGETTARE, PRODURRE, DISTRIBUIRE PER IL MERCATO GLOBALE25.0
098618A,BICAR/13DESIGNER & CREATIVITÀ15.0
093885BSECS-P/08IMPRENDITORIA E DESIGN15.0
093747BING-IND/35ETICA PROFESSIONALE25.0
098600--ICAR/19DESIGN E RESTAURO25.0
092019A,BICAR/13PRINCIPI DI PHYSICAL COMPUTING PER IL DESIGN25.0
098593--SECS-S/01APPLIED STATISTICS15.0
098427AMAT/08GENERATIVE DESIGN: METODI GEOMETRICI E NUMERICI25.0
093846--IUS/01LA TUTELA DEL DESIGN E DEL DESIGNER15.0
098627A,BICAR/13REALTÀ AUMENTATA E MOBILE EXPERIENCE25.0
098669A,BICAR/13INTERACTIVE SYSTEMS USABILITY DESIGN25.0
093847CM-PSI/01TECNICHE DI NARRAZIONE: STORYTELLING DALL'ODISSEA AL MONDO IKEA15.05.0
(Grp. Opz.)
095170CM-PSI/01COLORE E PERCEZIONE15.0
093858A,BICAR/13DESIGN FOR ALL25.0
098601A,BICAR/13CULTURA DEL CINEMA25.0
095165--M-FIL/05ESTETICA E SEMIOTICA DELLE ARTI15.0
096714A,BICAR/13LA BELLEZZA ITALIANA25.0
050823A,BICAR/13COME UN LABORATORIO RINASCIMENTALE25.0
050832AICAR/18INTERSEZIONI MILANESI: ARTE, DESIGN, COMUNICAZIONE25.0
098603A,BICAR/13RELAZIONI EFFICACI: CONOSCERE SE STESSI E GLI ALTRI PER COMUNICARE CON SUCCESSO15.0
098602A,BICAR/13ARTI E MESTIERI DEI TERRITORI25.0
096729CM-PSI/01RETORICA DELLA PAROLA E DELL'IMMAGINE25.0
092024AMAT/08COMPUTER ANIMATION25.05.0
(Grp. Opz.)
098657A,BICAR/13PORTFOLIO E PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PER L'ACCESSORIO25.0
089844A,BICAR/13SOFTWARE E GRAFICA PER IL WEB25.0
050466A,BICAR/13PORTFOLIO E PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PER LA MAGLIERIA25.0
096731A,BICAR/13VISUAL STORYTELLING: FOTOGIORNALISMO PER IL DESIGN15.0
050467A,BICAR/13PORTFOLIO E PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PER LA MODA25.0
093852A,BICAR/13FOTOGRAFIA: LO SPIRITO DELLA PROFESSIONE25.0

Per informazioni relative al piano degli studi, precedenze d'esame e vincoli di presentazione, si confronti il Regolamento didattico pubblicato sul sito della Scuola.
http://www.design.polimi.it/?mod=uffici&op=static&ref=statuti

7.4 Modalità di accertamento lingua straniera

L’accertamento della conoscenza di lingua straniera viene effettuato secondo le modalità stabilite dall’Ateneo pubblicate sulla pagina web “Servizi per gli studenti/Guide e regolamenti/Guida alla lingua Inglese” del sito www.polimi.it. Gli allievi sono invitati a leggere con cura il documento indicato e sono tenuti a rispettare la normativa riportata. In particolare, si ricorda che: “Ai sensi del DM 270/04 il Politecnico di Milano assume la lingua inglese come lingua dell’Unione Europea che deve essere conosciuta oltre all’italiano”.


Informazioni sulla conoscenza della lingua inglese
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=2244

7.5 Modalità dell'esame di Laurea

La prova finale consiste nella realizzazione di un portfolio contenente gli elaborati progettuali più significativi del triennio finalizzata ad accertare la capacità di sintesi progettuale e il raggiungimento degli obiettivi formativi del Corso di Studio.

L’Esame di Laurea consiste nella presentazione del portfolio alla Commissione valutatrice.

Il lavoro che viene presentato alla Commissione di laurea è individuale. 


Le informazioni relative alle norme generali, regolamenti, calendario appelli, iscrizioni e consegna tesi sono disponibili su
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=2324

8. Calendario

Il calendario dei Corsi di Laurea è organizzato tenendo conto delle modalità di verifica dell'apprendimento che, per i Corsi di Laurea della Scuola del Design, prevedono prove "in itinere" svolte durante il semestre. L'anno accademico comprende due semestri, ognuno costituito da una sessione didattica con prove in itinere e da sessioni di verifica dell'apprendimento (sessione d'esame). La sessione didattica di ciascun semestre è composta da due periodi dedicati a lezioni, esercitazioni e attività di laboratorio, seguiti ciascuno da una settimana di interruzione della didattica per consentire ai docenti una valutazione complessiva delle prove in itinere effettuate e seguiti, a chiusura del semestre, da due settimane dedicate alla verifica dell'apprendimento (sessione d'esame).


Calendario accademico
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=2404

9. Docenti

I nominativi dei docenti afferenti al Corso di Studio e dei relativi insegnamenti saranno disponibili sul manifesto degli studi a partire dal mese di settembre.
Il Manifesto degli Studi viene pubblicato annualmente sul sito web del Politecnico di Milano.

Sul Sito dell’Ateneo sono pubblicati, raggruppati per anni i e Corsi di Studi, i nomi dei docenti che svolgono attività didattica con i relativi curricula.

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito del Corso di Studi.
http://www.polimi.it

10. Strutture

I Laboratori per il Design

La realizzazione dei grandi laboratori a supporto della didattica del design rientra nella tradizione sperimentale della Scuola del Design del Politecnico di Milano, che adotta un modello didattico induttivo nel quale "sapere" e "saper fare" si affiancano e si completano vicendevolmente.

I laboratori sono destinati alla pratica delle attività che consentono agli studenti di verificare le ipotesi di progetto e di apprendere l’uso delle strumentazioni tecniche necessarie alla sperimentazione, rappresentazione e comunicazione dei progetti.

I laboratori - gestiti dal Dipartimento del Design - occupano una superficie pari a circa 10.000 mq all'interno della sede di Milano Bovisa.

Ai laboratori si integra la Politeca, un sistema integrato di documentazione per la ricerca nel campo del design.

Per dettagli sui Laboratori

http://www.dipartimentodesign.polimi.it/laboratori/i-laboratori

www.politeca.polimi.it


11. Contesto internazionale

La costruzione di una dimensione internazionale della Scuola del Design è stata considerata, fin dalla sua istituzione, nell’anno 2000, uno degli obiettivi prioritari da perseguire.

I motivi alla base di questo sono molteplici: dal carattere della disciplina del design, che per sua natura trae linfa vitale dal proprio essere multiculturale e multi locale, vicina sia al mondo della produzione, che ha ormai assunto una dimensione globale, che alla sfera dei consumi, le cui dinamiche e tendenze si rendono visibili nelle diverse specificità locali; allo stesso DNA della comunità del design, da sempre internazionale; dal riconoscimento di Milano, come capitale del design, crocevia di designer provenienti da tutto il mondo, che qui sono venuti a studiare o hanno aperto il proprio studio, alla volontà di rendere i percorsi formativi sempre più permeabili agli impulsi che provengono da questo contesto stimolante, così come da altre realtà dinamiche straniere.

Internazionalizzare per la Scuola del Design ha un duplice significato: supportare la mobilità di studenti (così come di ricercatori docenti e tecnici) verso l’esterno e, all’inverso attrarre studenti, ricercatori, professori, visiting professors dall’estero.

Relativamente a queste due direttrici di internazionalizzazione (trattate separatamente, la prima nel presente capitolo e la seconda nel capitolo che segue), la Scuola del Design si è impegnata negli ultimi anni ad ampliare i propri rapporti internazionali e attualmente collabora con oltre 300  università di design di tutto il mondo in progetti di scambio Erasmus (con circa 150 università europee), in progetti di scambi bilaterali (con circa 70  università extra europee), in workshop congiunti con altre scuole, in tirocini internazionali ecc.

A queste vanno aggiunte quelle attività più strutturate che mirano a consolidare dei rapporti di collaborazione, in campo didattico e di ricerca, con alcune realtà universitarie selezionate: è questo il caso del percorso formativo di eccellenza MEDes_Master of European Design (con 7 università partner), così come dei molti progetti di ricerca internazionali in atto.

La Scuola del Design è membro di Cumulus, network di scuole di design europee, così come delle principali associazioni di design internazionali. Come la città che la ospita, Milano, vero e proprio laboratorio internazionale di design, la Scuola del Design del Politecnico mira ad essere un punto di incontro tra diverse culture, tra didattica, industria e professione, in cui professori, imprenditori e designer di fama provenienti da tutto il mondo partecipano attivamente al percorso formativo degli studenti.


12. Internazionalizzazione

Scambi internazionali

La Scuola del Design partecipa ai programmi internazionali di scambio studenti, offrendo agli studenti l’opportunità di seguire un periodo dei propri studi all’estero presso una delle università partner. L’elenco delle università partner della Scuola è disponibile sul sito del Politecnico e della Scuola del Design nell’Area Internazionale.

 

Programma Erasmus

Il programma Erasmus nasce nel 1987 per opera della Comunità Europea e sancisce la possibilità per uno studente universitario europeo di effettuare in una università straniera all’interno dell’Unione un periodo di studio, che può coprire da 3 mesi fino a 12 mesi, legalmente riconosciuto dalla propria università.

Dal 2014 nasce Erasmus+ programma dell'Unione europea per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport per il periodo 2014-2020

In particolare, Erasmus per studio consente agli studenti universitari di realizzare un periodo di studi presso un Ateneo, che abbia firmato un accordo con l’università di appartenenza. Tale mobilità può dare diritto ad un contributo economico (con condizioni esplicitate nel Bando delle mobilità internazionali) e all'iscrizione gratuita nell'università ospitante. Lo studente può così seguire corsi e svolgere esami nell'università partner facendosi poi riconoscere gli esami svolti anche nell'università del proprio paese.

 

Scambi bilaterali

La Scuola del Design ha inoltre attivato alcuni accordi bilaterali con università extra UE. Queste sedi sono prioritariamente destinate a studenti della Laurea Magistrale e possono essere richieste anche da coloro che hanno già svolto un’esperienza Erasmus all’estero durante il proprio corso di studi triennale.

Le modalità di partecipazione a tali scambi sono uguali a quelle che regolano gli scambi Erasmus, ad eccezione del contributo economico alla mobilità che in questi casi non è garantita.

L’accordo bilaterale permette infatti agli studenti di frequentare un periodo di studio all’estero, presso una università partner, senza dover farsi carico delle tasse di iscrizione previste da tale università, in alcuni casi però è previsto un contributo alle spese di gestione degli studenti in scambio (es. Orientation Fee)

 

Il Programma MEDes  (Master of European Design (MEDes)Dall’a.a. 2002/2003 è stato attivato dalla Scuola del Design uno specifico programma quinquennale volto al conseguimento del titolo di Master of European Design (MEDes).

Questo percorso formativo internazionale, promosso e progettato dalla Scuola in collaborazione con altre cinque prestigiose università europee di design, e formalizzato tramite una convenzione sottoscritta dalle università partner, attribuisce un certificato  aggiuntivo al titolo di Laurea Magistrale conferito dal Politecnico di Milano. Gli studenti possono laurearsi solo nella loro Università di origine.

Le università partecipanti a questo programma di formazione europea sono, oltre al Politecnico di Milano:

 

The Glasgow School of Art, Glasgow, Scotland

Aalto University, School of Arts, Design and Architecture, Helsinki, Finland

Konstfack University College of Arts, Stockholm, Sweden

Ensci Les Ateliers, Paris, France

KiSD - Köln International School of Design, Cologne, Germany

Universidade de Aveiro, Aveiro, Portugal

 

Il programma di eccellenza è rivolto a 5 studenti selezionati tra gli iscritti al 2° anno dei Corso di Laurea in Design del Prodotto Industriale, Design degli Interni e Design della Comunicazione.

I candidati ammessi al programma MEDes svolgono due esperienze di studio all’estero presso due delle sedi partner:

_una durante il 3° anno di Laurea di I livello

_l’altra al 1° anno di Laurea Magistrale.

La scelta delle università di destinazione sarà effettuata in base alle preferenze espresse dallo studente e alla disponibilità delle sedi partner.

Doppia laurea

La Scuola del Design ha attivato diversi programmi di doppia laurea a livello di Laurea e Laurea Magistrale.

Questi  programmi prevedono, a fronte di un percorso congiunto che prevede una mobilità in scambio, la possibilità di ottenere un doppio titolo di Laure Magistrale rilasciato dal Politecnico di Milano e dalla scuola partner.


Informazioni sui programmi di scambio, progetti di doppia laurea e stage internazionali, progetti europei di ricerca e relazioni internazionali sono disponibili su:
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4585

http://www.design.polimi.it/programmi-di-scambio/

 


Informazioni sui programmi di scambio, progetti di doppia laurea e stage internazionali, progetti europei di ricerca e relazioni internazionali sono disponibili su
https://aunicalogin.polimi.it/aunicalogin/getservizio.xml?id_servizio=204&idApp=1&idLink=4593

13. Dati quantitativi


Il Servizio Studi e il Nucleo di Valutazione di Ateneo, svolgono periodiche analisi sui risultati complessivi e sul livello qualitativo dell'attività didattica dei Corsi di Studio, monitorando le attività formative e l'inserimento del laureato nel mondo del lavoro. I rapporti e gli studi sono disponibili sul sito web del Politecnico di Milano.
http://www.polimi.it/ateneo/organi/nucleo-di-valutazione/

14. Altre informazioni

Per ogni altra informazione si invita lo studente a consultare il sito della Scuola di Design ed in particolare le Guide che regolano gli Accessi, la Carriera e l'Esame di laurea.


Per ulteriori informazioni si rimanda al sito del Corso di Studi.
http://www.moda.polimi.it

15. Errata corrige